Separarsi dal ciuccio


Ecco alcuni consigli che possono essere utili per aiutare il tuo bambino, ormai grandicello, a separarsi dal ciuccio:


Senza fretta: Tieni presente che hai dato tu il ciuccio al tuo bambino e che in molte occasioni si è rivelato un prezioso alleato. Dovrai avere pazienza e non avere fretta tenendo presente che potrebbe non essere un’impresa facile

 

Quando: Cerca di capire prima se lui è pronto a questo passo: l’età consigliata per separarsi dal succhiotto è circa sui 2 anni e mezzo e comunque prima dei 3 anni

 

La preparazione: Inizia prima con il concedere il ciuccio solo per dormire.

 

Trucchetto: Puoi provare anche il trucchetto di sostituire il ciuccio del tuo bambino con uno per neonati di taglia 1 (a ciliegia o simili) in modo che il danno sui denti del bambino sia minore e inoltre probabilmente non sarà poi così “buono”. Attenzione: ho letto di mamme che si armano di forbice e riducono la dimensione del ciuccio fino a farlo scomparire. Assolutamente no, dobbiamo far mangiare silicone, caucciù e simili al nostro bambino? Sulle istruzioni è chiaramente riportato che se il ciuccio presenta segni di usura va sostituito.

 

Fermezza: Una volta deciso il momento in cui toglierai il ciuccio anche per la nanna, devi essere inamovibile.

Normalmente ci sono parecchie scuse che funzionano per giustificare la necessità di separazioen dal ciuccio, scegli quella che più ti piace e ti sembra che possa essere accettata dal tuo bambino:

  • Il tuo ciuccio si è rotto e non ne vendono più come il tuo
  • Abbiamo dovuto dare il tuo ciuccio ad un bambino piccolo che non ce l’aveva
  • Ne ho sentite con Gesù bambino o Babbo Natale che rubano il ciuccio ma non mi sembrano molto educative
  • Oppure più realisticamente, se lasci il ciuccio ti compriamo un bellissimo regalo che scegli tu

 

Ascolta le sue reazioni: cerca di incoraggiarlo se pensa di non farcela e fagli sentire la tua presenza rassicurante

 

Preparati a sopportare la sua crisi e a non cedere

 

Il sostituto: Dagli qualcosa di sostitutivo (ovviamente evitando il pollice per non cadere di male in peggio!): un orsacchiotto, una copertina per la notte..

 

Non stupirti se, una volta tolto il ciuccio, tuo figlio non mostra più alcun interesse nei suoi confronti: probabilmente hai scelto il momento giusto

 

Pazienza: Non arrabbiarti con lui, sgridarlo o mortificarlo ma sii semplicemente paziente

 

La nanna: Se alla sera era abituato ad addormentarsi con il ciuccio, trova un altro rituale come una bella favola.

     

 

Comments