I nostri diritti in vacanza

Se in hotel viene rivolta alla famiglia la richiesta di consumare i pasti in camera oppure l’allontanamento di un neonato che piange dalla sala da pranzo come dobbiamo comportarci?


 

La richiesta non è legittima, perché sarebbe una violazione della libertà di movimento delle persone, oltre che una discriminazione nei confronti di clienti che hanno pagato come gli altri.

Situazioni di questo tipo, però, vanno risolte con buon senso ed educazione: se il piccolo non si calma è opportuno portarlo fuori qualche minuto per rasserenarlo in un luogo tranquillo e non affollato.

Inoltre, non si può equiparare il pianto di un neonato,che dura qualche minuto, al capriccio di un bambino più grandicello, che dovrebbe essere in grado di rispettare le regole della buona educazione e mantenere o un comportamento adeguato all'età.




Attenzione alle responsabilità:

In qualsiasi struttura turistica (albergo, stabilimento balneare) il gestore ha l'obbligo di mantenere l'ambiente e le attrezzature in buono stato, per evitare incidenti.

Ma se un bambino usa un'attrezzatura in modo improprio e senza la supervisione dei genitori, la responsabilità non può ricadere sullo stabilimento.



Comments