Streptococchi

Gli streptococchi sono batteri di forma sferica od ovoidale, appaiati o riuniti in catenelle. Sono presenti normalmente nella flora batterica cutanea o gastrointestinale. A seconda degli antigeni che si trovano sulla parete del batterio, si possono suddividere in vari sierogruppi (A, B, C, D, G) ; secondo i caratteri biochimici si possono suddividere in specie.

Streptococco pyogenes



Lo streptococco che riveste maggior importanza per l’uomo è quello della specie Pyogenes conosciuto anche come streptococco betaemolitico di gruppo A.







Provoca:

infezioni alla faringe (faringite e faringotonsillite), più frequenti durante il periodo autunnale ed invernale

infezioni alla cute (impetigine) riscontrabile sopratutto durante l’estate.

E’ responsabile anche della scarlattina, dell’otite media, della sinusite, della polmonite, dell’endocardite (infezione del tessuto valvolare del cuore), della cellulite (infiammazione del tessuto sottocutaneo), dell’erisipela (una dermatite) e della sepsi.



Lo streptococco di tipo B è responsabile della sepsi e di meningite neonatale.


Lo streptococco di tipo C è responsabile di infezioni alle vie aeree.


Lo streptococco di tipo D è responsabile di infezioni dell’apparato urogenitale.


Lo streptococco di tipo G è responsabile di infezioni alle vie aeree, di cellulite e sepsi.




Il miglior sistema per rilevare la presenza dello streptococco Pyogenes in bambini e adulti è di eseguire il tampone faringeo. Lo trovate in farmacia.

Le infezioni streptococciche possono essere rilevate anche tramite la determinazione degli anticorpi antistreptolisina O (la streptolisina O è una tossina proteica liberata dallo streptococco Pyogenes).


Se il test dovesse risultare positivo significa che il bambino (o l’adulto) ha un infezione streptococcica in atto.

In questo caso il batterio viene distrutto dagli antibiotici; tra i più usati l’amoxicillina (Clavulin) la penicillina, e l’eritromicina.

Visto quello che provoca lo streptococco A raccomandiamo caldamente di terminare completamente il ciclo antibiotico (normalmente 10 giorni di assunzione per 2 volte al giorno).

Queste sono solo informazioni non prescrizioni, la raccomandazione è sempre quella di andare dal pediatra o dal medico di base per una visita ed una diagnosi accurate.