Stipsi dei due anni



Nei piccoli predisposti alla stipsi, anche se curati adeguatamente, verso i due anni di solito si riaffaccia il sintomo, per la tendenza alla ribellione tipica di questa età.

Infatti, sentendosi pressati per evacuare regolarmente, e per di più invitati ad utilizzare il vasino, possono avere delle vere e proprie " crisi di ritenzione" in cui fanno di tutto per non cedere allo stimolo.

Inoltre una volta che il bambino sviluppa la stitichezza e ha feci dure e dolorose, inizia a non voler fare la cacca per evitare di avere di nuovo male.

Questo crea un ciclo che rende la stitichezza continua con la tendenza a peggiorare.







Anche questo fenomeno va accolto con serenità e gestito con la modifica della dieta e con l’eventuale somministrazione di un ammorbidente delle feci, come per esempio il lattuolosio, anche in dosi elevate e per un periodo prolungato.

 



Non esiste la possibilità che la stitichezza possa provocare “complicazioni intestinali”: un bambino può non evacuare per molti giorni di seguito senza alcuna conseguenza. L’unico problema che può avere è il forte disagio durante l’evacuazione a causa delle feci molto dure. Talvolta il passaggio può anche provocare la fuoriuscita di un po’ di sangue.

 

Alcune misure dietetiche che migliorano la situazione in maniera apprezzabile:

Aumentare i fluidi: Aumentare la quantità di acqua e succhi di frutta (minimo di 2-3 bicchieri) che il vostro bambino beve ogni giorno.

Aumentare la fibra: Aumentare la quantità di frutta e verdura che vostro figlio mangia.

La frutta cruda non sbucciata e verdura (soprattutto fagioli, patate dolci, piselli, rape verdi, pomodoro crudo e mais) sono molto ricche di fibre.

Tra la frutta provate con il kiwi, la prugna secca (eventualmente anche in succo).

Controllate l'etichetta nutrizionale per i cibi ricchi di fibre e preferite snack con almeno 3-4 g di fibre per porzione. Minestre di verdura sono particolarmente ricche di fibre e aggiungono anche più fluidi alla dieta del bambino.

Aumentate la crusca nella dieta del bambino, offrendo cereali di crusca, dolcetti di crusca, frumento tagliuzzato, cracker, o pane integrale.

Diminuite gli alimenti costipanti: Gli alimenti più noti nel causare stitichezza sono il latte vaccino, yogurt, formaggio, carote cotte, e banane. Bere troppo latte è fortemente associato con la costipazione. Il passaggio a latte di soia ha dimostrato di ammorbidire le feci.

 

I farmaci

Tutti gli accorgimenti che mirano a provocare forzatamente un’evacuazione (clisteri e supposte) sono sempre controproducenti.

I bambini li vedono con terrore e associano una ulteriore esperienza negativa al “fare la cacca”.

 

Se la modifica della dieta non dovesse dare risultati apprezzabili si può somministrare al bambino del lattulosio ma in dosi superiori a quelle generalmente prescritte: almeno tre-quattro cucchiaini da tè al giorno, aumentando il numero progressivamente fino a quando le feci non si presentano soffici.

Adeguando poi la dose a seconda dei risultati, si dovrebbe continuare la somministrazione per vari mesi, in modo che il bambino dimentichi l’esperienza dolorosa delle evacuazioni precedenti.

Tutto questo senza effetti collaterali o assuefazione, per cui, quando finalmente si smette il farmaco, non c’è il rischio che il sintomo rìtorni

 

 

Comments